Header Image

HALLO! I’M JACKET

IL GIOCO DEL NULLA

regia: Elisa Canessa

con Federico DImitri e Francesco Manenti

produzione Compagnia DIMITRI/CANESSA
coproduzione Associazione Sosta Palmizi
con il sostegno di Armunia

ass. artistica: Stefano Cenci e Giorgio Rossi
disegno luci: Marco Oliani
durata: 60’
Selezione Visionari Kilowatt Festival 2017

Hallo! I’m Jacket! è uno spettacolo fortemente ironico. È il riflesso ridicolo e dissacrante di un sentire che trae invece origine da riflessioni ben più amare, che riguardano in generale il cosiddetto “mondo contemporaneo”, con la sua rapidità da fast food mediatico, cultura usa e getta e ansia performativa.Immersi fino al collo in una realtà che sembra dare sempre più credito a ciò che semplicemente è di tendenza, ci “facciamo beffa” di questo nostro mondo contemporaneo, costantemente assillato dall’idea di essere: produttivo! seduttivo! interessante! alternativo! figo!
indipendentemente da quali siano i contenuti e i saperi. L’amarezza lascia però spazio totale alla buffoneria, alla presa in giro, all’ironia surreale. In questo mondo così caricaturizzato, qual è il rapporto dell’artista con la creazione?
Con lo stare in scena? Con l’esibire se stesso su un palco vuoto?
Cos’ha da dire questo teatro contemporaneo???
In Hallo! I’m jacket! tutto viene estremizzato: la performance artistica è metaforicamente tradotta con la prestazione sportiva.
Il performer, un atleta che, sul palco, sventola con convinzione la bandiera bianca della mancanza totale di contenuti. Sul volto, lo smagliante sorriso dell’idiozia. Il teatro, è paradossalmente trasformato nello stadio che accoglie all’attesissimo “campionato mondiale della performance”. I due performer, i due buffoni, i due clown di questo spettacolo lottano, gareggiano, danzano, sudano… per nulla! Solo per piacervi, per farvi divertire. La ridicola caricatura di un mondo zoppo, ma che corre trafelato verso il successo. Un successo qualsiasi. Un mondo paradossalmente svuotato di senso e di contenuto. Di amore e di poesia.

 

La compagnia dimitri/canessa Federico Dimitri si diploma alla Scuola Teatro Dimitri. Nel 2005 vince in Belgio il Premio Pinokkio 05 con un suo spettacolo dal titolo Perfectly Coupled. Membro della compagnia I tre secondi, si esibisce in tutta la Svizzera con lo spettacolo Zurigo Stazione Centrale. Nell’estate del 2006 crea con la Compagnia Klupper lo spettacolo 30°60°90°, con la direzione artistica di Giorgio Rossi. Per la stagione teatrale 2007/08 viene ingaggiato dalla compagnia Teatro Kismet Opera di Bari, per lo spettacolo La regina delle nevi, regia Teresa Ludovico. Nel 2008 partecipa alla fondazione della compagnia Progetto Brockenhaus e a l’allestimento dello spettacolo Non facciamone una tragedia. Nel 2009 partecipa al festival Origen (CH) con lo spettacolo Delila, 2009/10 parte per Berlino dove lavoro per la compagnia tedesca/norvegese Banality Dreams per lo spettacolo The Cowboy, the Princess and the Chicken. Autore ed interprete dello spettacolo BRUNO, vincitore del 22° Fit, Festival Intenazionale di Teatro di Lugano. Elisa Canessa è diplomata al Corso di Formazione Professionale in Noveau Cirque presso Scuola di Teatro Bologna (2000-2001), dal 2000 studia danza, teatro e arti circensi (acrobatica aerea).
Nel 2010 si diploma al corso biennale di Specializzazione in Scrittura per la danza contemporanea presso il Teatro Stabile di Torino, diretto da Raffaella Giordano. Con Francesco Manenti dà vita nel 2002 al progetto Agatharandagio ed insieme creano Esercizi e Drunk. Ha lavorato come interprete con Teatro Ferramenta di Bologna, con Compagnia Agar, produzione Sant’Arcangelo dei Teatri, con Arcipelago Circo-Teatro, prod La Biennale di Venezia , con Pantakin da Venezia, con Benno Voorham per ADDM Fest Moldavia, con Massimiliano Barrachini per il Festival Resolution, Londra, con Sosta Palmizi (La favola esplosa, regia Giorgio Rossi), e con Teatro Kismet Opera (La regina delle nevi). Ha partecipato come danzatrice protagonista nel videoclip di Lorenzo Jovanotti, Mezzogiorno. Autrice ed interprete dello spettacolo BRUNO.